Lo statuto - Pag. 7

 

Art. 20- Regolamento

  1. Il CD approva il Regolamento e le eventuali modifiche in caso di necessità. Tale regolamento non può essere contrario alla  legge o agli articoli dello Statuto.

  2. Il Regolamento deve contenere almeno le norme relative alla istituzione dei Registri di cui al comma 6 del precedente art. 6, alle affiliazioni, di cui al precedente art.15; in particolare dovranno essere individuati diritti e doveri dei soggetti che possono chiedere la affiliazione, i criteri relativi all'uso dei loghi, la durata della formazione professionale. Il Regolamento può altresì contenere norme che favoriscano un miglior funzionamento dell'Associazione nel rigoroso rispetto degli scopi oggetto  del presente Statuto.

 

Art. 21-Codice Deontologico

  1. Con appositi specifici Regolamenti il CD proporrà, per l'approvazione dell'Assemblea, norme relative al Codice deontologico e al Codice etico, che saranno vincolanti per tutti i Soci che vorranno appartenere all'Associazione e per tutti i soggetti che vorranno mantenere l'affiliazione all'Associazione.

 

Art. 22- Gratuità degli incarichi

    1. Le funzioni di membri del Comitato Direttivo e gli incarichi espletati per l'assolvimento di tali funzioni, ad eccezione di quelle connesse con attività di formazione o di altri compiti specificamenrìte deliberati dal CD ed espletati dai soci, sono gratuiti.

  1. Eventuali rimborsi spese, dimostrate e non evitabili, dovranno essere concordati e definiti specificamente con il Tesoriere e iscritti nel bilancio dell'Associazione.

 

Art. 23-Probiviri

    1. Ove l'Assemblea lo ritenga necessario potrà nominare, su proposta del CD,  il Collegio dei Probiviri formato da un minimo di 3 a un massimo di 7 membri, Potranno far parte del Collegio dei Probiviri, anche persone esterne all'Associazione. Il collegio dei Probiviri appronterà un Regolamento per il proprio funzionamento che verrà approvato dall'Assemblea.

    1. Il Collegio dei probiviri dovrà tassativamente esprimersi, in ordine a violazioni del Codice Deontologico, su richiesta di uno o più soci avanzata al CD e da quest'ultimo ritenuta idonea per il giudizio dei Probiviri medesimi. E' altresì tenuto a esprimersi in ordine a fatti esposti dallo stesso CD.

  1. In caso di procedimenti penali instaurati d'ufficio il collegio dei probiviri dovrà stabilire la sospensione del socio sottoposto a procedimento penale.

 

Art. 24 - Norme Finali

  1. Per tutto quanto non previsto dal presente statuto si fa rinvio alle norme di legge ed ai principi generali dell'Ordinamento giuridico italiano.

Offcanvas

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.